I Racconti del Randagio. Racconti e poesie pulp, giovani, discoteca, ecstasi, tematica generale disagio giovanile, vita dei giovani, amicizia e amori adolescenziali.

Home Page - I racconti del randagio

Racconti al guinzaglio

Racconti al guinzaglio

Cinquina


c'era una volta...nella via di casa mia , una casetta piccolina e tutta da rifare. qui abitava una famiglia poverina... erano mamma ,papà e un bel bambino. con loro viveva Cinquina , un tenero cagnolino che il papà lo aveva chiamato così, perchè era un appassionato del gioco del lotto... in questa casa non c'era niente , mancava la lavatrice, il televisore ,il frigo ,il computer e tutto il resto, c'era solo una bella tavola e un tappetino per cinquina... la mamma quando doveva andare a fare il bucato chiamava cinquina e gli diceva: "dai cinquina muoviti che andiamo al fiume a lavare i panni". così andavo sulla riva e mentre la mamma lavava i panni cinquina correva per i campi a raccogliere i fiori che dopo portava alla mamma. finito di lavare i panni tornavano a casa e qui c'era già il bambino che chiamava cinquina: "dai cinquina andiamo in giardino a giocare con la palla così uscivano dalla porta e stavano ore a rincorrersi e abbracciarsi... il papà era sempre seduto a tavola a leggere il giornale...leggeva tutte le notizie e diceva sempre: "mah... non capisco come questo possa succedere..." il mercoledì sera e il sabato sera avveniva qualcosa di speciale. il papà tirava fuori dalla cassaforte una piccola radio da pochi soldi, l'appoggiava delicatamente sul tavolo e chiamava all'appello tutta la famiglia... tutti dovevano essere vestiti in modo elegante e anche a cinquina veniva messo un papillon da gran galà. alle otto erano tutti seduti a tavola perchè c'era l'estrazione del lotto...il papà giocava sempre al lotto non aveva mai vinto lui giocava solo la cinquina... diceva sempre: "se questa volta esce diventiamo ricchi, saremmo felicissimi" da quando era nato cinquina viveva quelle sere con disagio, tutti erano attenti ad ascoltare i numeri che la radio diceva, e lui sul suo tappetino si annoiava molto. non avevano mai vinto... e ogni volta alla fine dell'estrazione la mamma sorrideva e dava un bacio al papà e diceva "cinquina andiamo a prendere l'acqua al pozzo per la notte" e il bambino diceva" no mamma fammi andare con cinquina a giocare a nascondino in giardino?"
"va bene" rispondeva la mamma" allora andiamo tutti al pozzo e mentre io prendo l'acqua voi giocate"
che si andasse al pozzo ,o al fiume o in giardino tutti erano molto felici e a cinquina questo piaceva tantissimo... e poi la mamma portava cinquina a far la spesa e il bambino invece lo portava a scuola e quando uscivano uno dalla scuola l'altra dal supermercato correvano da cinquina a raccontargli quello che avevano fatto ed erano tutti felici...
"oggi è mercoledì" disse la mamma con un pò di tristezza . arrivarono a casa e andarono a mettersi eleganti per la sera.... a cinquina il suo papillon, il bambino con i pantaloni di velluto e la cravatta e la mamma con un bellissimo abito nero. scesero in salotto che proprio un salotto non era , c'era solo la tavola e il tappetino. il papà aveva già collocato la radio al suo posto....
Contenuti protetti da diritto d'autore, vietata la riproduzione. Informazioni. Visita 44564.